Orto Fabbrica di Angelo Grassi

Nella settimana del salone del mobile chi più ha beneficiato delle continue piogge, è indubbiamente il “biolago” progettato da Angelo Grassi e realizzato dall’azienda agricola Vannacci Graziano. Qui il concetto era quello di creare uno specchio d’acqua alimentato da acqua piovana la cui caratteristica principale è la fitodepurazione attutata dalle piante che lo circondano che oltre a offrire una funzione filtrante collaborano alla creazione di uno spazio rilassante.

In the week of the Salone del Mobile who most benefited from the continuous rains, is undoubtedly the “bio-pond” designed and produced by Angelo Grassi from the farm Vannacci Graziano. Here the concept was to create a body of water fed by rainwater, whose main feature is the attutata wetland plants that surround it as well as providing a filtering function are collaborating to create a relaxing space.

Scegliendo come cornice del suo allestimento un ambiente suggestivo, quale  la struttura architettonica risalente al diciannovesimo secolo e dal sapore preindustriale, anche quest’anno lo spazio di Angelo Grassi risulta essere uno dei più curiosi del circuito di zona Tortona.

Con uno sguardo già rivolto all’Expo 2015, i temi affrontati in questa edizione sono l’acqua, l’energia rinnovabile e il recupero di una vita più autentica; il ritorno alle forme di sopravvivenza rurale è il punto di partenza per un’arte che, facendo propria l’esperienza del passato, si rinnova, proponendo così una convivenza con la natura piuttosto che una sottomissione della natura stessa.

L’ingresso al bio lago è pensato come un corridoio le cui pareti mettono in risalto la collaborazione tra Grassi e l’azienda artigianale “Terracotte S. Rocco”.  Le strutture in terracotta, scavate da piccole sacche per la raccolta delle piante, hanno una doppia funzionalità, sono pareti verdi e, al tempo stesso, coltivazioni cittadine.
Interessante la decisione di riempire di rosmarino queste pareti per accogliere il visitatore, coinvolgendolo così anche da un punto di vista olfattivo.

Choosing as his frame construction a picturesque environment, where the architecture dates back to the nineteenth century and early modern taste, this year the space of Angelo Grassi is one of the most curious of the circuit Tortona.
With an eye already turned Expo 2015, the topics addressed in this edition are water, renewable energy and the recovery of a more authentic life, a return to forms of rural survival is the starting point for an art which, by their past experience, is renewed, thus suggesting a coexistence with nature rather than a submission of the same nature.
The entrance to the lake is thought of as a biological corridor whose walls emphasize the partnership between Fats and the small firm “Terracotta S. Rocco. “The structures in clay, dug from small bags for the collection of plants, have a dual functionality, they are green walls and at the same time, farming towns.
Interesting decision to fill these walls of rosemary to welcome the visitor, thus involving them also from the point of view, the olfactory epithelium.

Non bisogna assolutamente dimenticare la pavimentazione che porta il visitatore sulle rive del biolago, essa infatti risulta interessante per il materiale di cui è composta: 55% di polietilene, derivante dalla raccolta differenziata urbana, 45% di legno recuperato dagli scarti di lavorazione industriale. Stiamo parlando di “ripietra”.

In questo cortile e paradiso dell’ecologia si trovano poi alcuni arredi che il designer romagnolo ha fatto realizzare: troviamo infatti il tavolo in ferro riciclato con grill incorporato, i seggiolini “Risiedo”e “Disko”, un diffusore audio luminoso wireless, alimentato dall’energia solare, disegnato dalla Heimdall.

We must not forget the absolutely flooring that leads the visitor on the banks of the bio-pond, in fact, it is interesting for the material making up: 55% polyethylene, resulting from urban waste collection, 45% of wood recovered from industrial waste. We are talking about “ripietra”.
In this courtyard haven ecology and there are also some furniture that designer Romagnolo did realize: we find the recycled iron table with built-in grill, seats “Risiedo” and “Disko,” a bright wireless audio speaker, powered by ‘solar Energy, designed by Heimdall.

Noi ci fermiamo qui perché per parlare di tutti i prodotti presentati ci vorrebbe un altro blog che tratti un mondo “al di fuori” dell’outdoor, ma ogni singolo pezzo, prodotto e costume da bagno presentato hanno contribuito alla perfetta riuscita di un allestimento sicuramente “fuori” dall’idea del semplice giardino.

We stop here because to talk about all the products presented it would take another blog that features a world “outside” the outdoors, but every single piece, produced and presented swimsuits have contributed to the success of a production definitely “outside” the idea of simple garden.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...